Come edera tra i sassi di Lucia Babbo

Curare l'editing di un libro o scriverne la prefazione e poi averlo finalmente tra le mani è una di quelle emozioni che ripagano di nott...

Curare l'editing di un libro o scriverne la prefazione e poi averlo finalmente tra le mani è una di quelle emozioni che ripagano di notti insonni, discussioni e momenti di sconforto che inevitabilmente vive chi fa questo lavoro.

"Come edera tra i sassi" è stato un libro che ho visto nascere giorno dopo giorno e giorno dopo giorno me ne sono innamorata scorgendo tra le sue pagine uno stile poetico originale, forte, sanguigno, fatto di colori forti e sentimenti reali provati sulla pelle dell'autrice.
È un onore per me, oggi parlarne e mi perdonerete se lo faccio attraverso la prefazione che ho scritto, ma davvero credo non ci siano parole migliori per descrivere questa silloge poetica:

"L'emozione che anima la mano di chi compone poesie la può capire solo chi l'ha provata, tutto il resto del mondo può limitarsi ad immaginare, perché i poeti, per ironico paradosso, sono restii da narrare a voce ciò che cantano e decantano su carta, ma è leggendo alcune sillogi che ci si imbatte in esistenze preziose.
Tra i versi di "Come edera tra i sassi" dimora l'arte di una donna che ha avuto il coraggio di affrontare un lungo viaggio: quello dentro se stessa.
Sogni e delusioni, speranze e battaglie, amori e amicizia, sono i capisaldi di ogni narrazione e campeggiano in questa silloge divenendo il raffinato filo conduttore di una biografia in versi.
"Come edera tra i sassi", è la sintesi perfetta di ciò che Lucia Babbo rappresenta nel piano infinito della sua esistenza: una donna fortemente, caparbiamente aggrappata alla vita, incurante delle intemperie che le sferzano il volto e un terreno, spesso arido su cui camminare giorno dopo giorno.
Questa silloge poetica è una sorta di traguardo raggiunto dopo alcuni anni di sperimentazione linguistica e stilistica nel corso dei quali l'autrice ha compiuto un intenso viaggio a ridosso delle correnti poetiche contemporanee imparando a padroneggiarne vizi e virtù e rintracciando nel propio Io più profondo la corretta chiave di lettura da proporre a chi si avvicina alle sue poesie.
Tra anafore, similitudini, metafore, chiasmi, il verso e la metrica di piegano al volere della penna dell'autrice raggiungendo elevati livelli stilistici frutto di un talento puro che incontra la propria dimora ideale in una disincantata osservazione della realtà che parte dall'introspezione e approda nella calda alcova delle emozioni più intime.
Il lettore si troverà così dinanzi ad un mondo popolato da alter ego che Lucia Babbo rende vivi  scegliendo le parole da utilizzare, quasi volesse accarezzarle prima di donarle al foglio che le accoglierà in un abbraccio imperituro.
Il dolore, il sogno, la delusione, il coraggio, la speranza, la passione, il sesso, l'amore, la rimembranza, la follia, sono sfaccettature del caleidoscopio umano raccolte tra le pagine di "Come edera tra i sassi" e dietro ogni verso, fa capolino la mano di Lucia Babbo che con camaleontica classe si muove, da abile guida, trascinando con se il lettore e mettendolo di fronte ad una realtà fatta di storie ordinarie e straordinarie al contempo.
Il lettore incontrerà donne in cerca di un posto nel mondo, spesso impaurite, apparentemente vittime, ma profondamente forti e ribelli nel loro moto di dignità e tensione verso una piena e consapevole libertà; donne appassionate, consapevoli del proprio corpo che si lasciano andare a focosi amplessi in appassionati racconti in equilibrio tra sogno e realtà; donne con cui l'autrice instaura un immaginario dialogo fatto di incoraggiamenti e confidenze, ma mentre nelle precedenti opere, l'autrice focalizza la propria attenzione soprattutto su tematiche di natura emotiva, in questo nuovo lavoro, spazia andando a toccare anche temi di scottante attualità, come la tossicodipendenza, la violenza sessuale, la prostituzione, l'adozione a distanza le difficoltà dell'essere madre.
Leggere "Come edera tra i sassi" significa non solo entrare in un universo poetico, ma avere il privilegio di conoscere una donna e un'artista della parola che con immensa umiltà si offre a tutti coloro che conoscono il potere curativo della poesia, sicura di poter creare con loro un profondo rapporto empatico che, si spera diventi una nuova fonte di ispirazione per altri viaggi, altri versi, altre emozioni."


IL GIOCO DELLE PAROLE

Via!
State calpestando le gardenie
del mio giardino!
L'ho pagato col mio sangue
che chiaro, quasi rosa
era un tempo!
Mi chiesero di studiare

per distinguere
rosso da bianco,
vero da adulterato!
Sto invece imparando

a giocare
con le parole,
parole non dette
altrimenti fanno rumore:
ho trovato un vecchio quaderno
in un cassetto
ed ho la mia penna.
La userò finché si consumerà
nelle mie mani

di  calli e bestemmie.



Titolo: Come edera tra i sassi
Autore: Lucia Babbo
Editore: Il Raggio Verde 
Anno di pubblicazione: 2017
Costo: 13,50 Euro


You Might Also Like

0 commenti

Flickr Images

recentposts